Vai al contenuto
Home » I personaggi del Kalevala

I personaggi del Kalevala

E tu, in quale personaggio del Kalevala ti identifichi di più? Perché? Scrivilo nei commenti!

Quante ne sai sul Kalevala? Gioca al quiz, poi leggi l’articolo Il Kalevala. Introduzione all’epopea finno-careliana e confronta le tue risposte!

I principali

  • Väinämöinen.
    Sciamano e cantore sempiterno, Väinämöinen è uno dei personaggi centrali dell’epopea finno-careliana.
    Figlio di Ilmatar, Vergine dell’aria, passa 700 anni nel grembo materno, cullato dalle onde del mare, e nasce saggio e canuto. Väinämöinen dà vita a Kalevala, terra brulla e incolta, inaugurando le vicende degli eroi.
    Malinconico e solo per via della sua età avanzata, cerca invano una moglie: prima vorrebbe sposare la bella e giovane Aino, che preferirà suicidarsi piuttosto che essere sua moglie, poi tenta con la figlia di Louhi, ma non gli andrà meglio.
    Con la mascella di un gigantesco luccio fabbrica il kantele, strumento a corde della tradizione finlandese. La sua musica ammalia e commuove umani, animali e spiriti. Con il suono del kantele, Väinämöinen incanta Louhi e il popolo di Pohjola, dando tempo agli eroi di Kalevala di rubare il Sampo, il miracoloso artefatto che dona infinita ricchezza e prosperità al suo possessore. Durante la tempesta marina che si scatena mentre fanno ritorno da Pohjola, il kantele cade in acqua e va perso tra i flutti ma Väinö ne farà un altro con legno di betulla e riccioli di fanciulla.
    Il Saggio. Incarna la sapienza, la sensibilità poetica e musicale, il potere delle parole.
    Simboleggia l’antica tradizione animista, il paganesimo che alla fine verrà esiliato dal figlio di Marjatta, il quale incarna l’arrivo e la vittoria del cristianesimo.
Väinämöisen lähtö, Akseli Gallen-Kallela
  • Ilmarinen.
    Artigiano del cielo, abile fabbro e sciamano, uno degli eroi di Kalevala.
    I guai di Ilmarinen iniziano quando giunge nella buia e arida Pohjola, bonariamente ingannato da Väinämöinen. Louhi, la Signora di Pohjola, lo esorta a forgiare il Sampo, il mitico artefatto che dona eterna prosperità al suo possessore e, come ricompensa per i suoi servigi, gli concede la mano di sua figlia, che tuttavia non vuole sposarsi. Ilmainen torna in patria a bocca asciutta.
    Ma quando viene a sapere che l’amico Väinämöinen vuole chiedere in isposa la fanciulla, ritorna a Pohjola per farsi valere. Alla fine la giovane lo preferisce al vecchio canuto Väinämöinen, e Ilmarinen si trova ad affrontare 3 dure prove: ara il campo di vipere, cattura l’orso e il lupo di Manala e il grande luccio di Tuonela. Una volta superate le prove, i due possono finalmente sposarsi e dopo il matrimonio tornano a Kalevala.
    Quando Kullervo gli uccide la moglie, Ilmarinen disperato se ne fabbrica una d’oro, ma non riesce a infonderle la vita, e la donna rimane gelida. Deluso, cerca di propinarla a Väinämöinen che, nonostante sia perennemente alla ricerca di una moglie, declina gentilmente l’offerta. Ilmarinen torna da Louhi e chiede in isposa l’altra fanciulla di Pohjola ma viene schernito, così la rapisce, ma ben presto si rende conto che la fanciulla è insopportabile e la trasforma in un gabbiano.
    Ilmarinen si unisce a Väinämöinen per rubare il Sampo alla Signora di Pohjola e lo aiuta a ritrovare il fuoco che lo lascerà peraltro ustionato. Quando Louhi ruba il sole e la luna, Ilmarinen ne fabbrica di nuovi ma, visto che non risplendono, decide di aiutare Väinämöinen a liberare quelli veri, forgiando gli arnesi per aprire il monte in cui questi sono nascosti.
    ll Creatore. Incarna la dedizione e la tenacia, il duro lavoro e l’operosità, l’ingegno e la creatività.
Sammon taonta, Akseli Gallen-Kallela
Ilmarinen kyntää kyisen pellon, Akseli Gallen-Kallela
  • Aino.
    Giovane e ribelle, la bella Aino non si piega al volere della famiglia e sceglie da sola il proprio destino, per quanto buio possa sembrare… Breve ma intensa, quella di Aino è una delle vicende più rappresentate, più amate e più emblematiche del Kalevala.
    Il presuntuoso Joukahainen sfida Väinämöinen a una gara di incantesimi ma il vecchio saggio lo intrappola nella palude a suon di canti. Allora Joukahainen scambia la sua libertà con quella della sorella Aino, promettandola in isposa a Väinämöinen e segnandone così la condanna. La madre di Aino è felice di quest’unione, Aino un po’ meno… La ragazza non è pronta a sposarsi, e di sicuro non con un vecchio! Nel bosco incontra Väinämöinen che le chiede di sposarlo ma lei rifiuta decisa e corre a casa arrabbiata e piangente.
    Piange e si lamenta, ma la mamma e il fratello non capiscono il suo dramma e la incitano a vestirsi a festa. Triste e tormentata, vorrebbe non essere mai nata e si chiede se non starebbe meglio sotto le onde del mare. Annebbiata da questi bui pensieri, Aino si perde nella foresta e giunge a una spiaggia sconosciuta. Intravede tre fanciulle che fanno il bagno, si spoglia ed entra in acqua, ma quel masso che aveva visto in lontananza sprofonda, e lei, miserella, affoga. Per gli antichi ugrofinni, il suicidio era come mezzo per velocizzare il ciclo di rinascita.
    Väinämöinen, triste per la morte della fanciulla, va a pesca e tira su uno strano pesce, ma quando sta per tagliarlo, il pesce confessa di essere Aino. Aino-pesce sfugge di nuovo a Väinämöinen e sguizza via, finalmente libera.
    La Ribelle. Incarna la ribellione e la rottura con la tradizione, la libertà e la scelta.
Aino (trittico), Akseli Gallen-Kallela
  • Louhi.
    Indipendente, potente e ostinata, Louhi è stata spesso rappresentata come l’arcigna cattiva del poema ma, in fin dei conti, tutti i torti non li aveva…
    Madre, matriarca e Signora della buia e grigia Pohjola. Accoglie calorosamente Väinämöinen quando approda a Pohjola stanco e bagnato dopo essere stato quasi ucciso da Joukahainen in lutto per la sorella Aino. In cambio delle cure, Louhi chiede a Väinämöinen di fabbricargli il Sampo, ma questi non lo sa fare. Allora Louhi gli fornisce slitta e cavallo per tornare a Kalevala e convincere il fabbro Ilmarinen a mettersi in viaggio per Pohjola. Anche Ilmarinen è accolto con letizia ed esortato a forgiare il Sampo in cambio della mano della fanciulla di Pohjola. Ma, una volta finito il Sampo, la ragazza non vuole sposarsi e Louhi, a differenza della mamma di Aino, non la costringe.
    La Signora di Pohjola sottopone tutti i pretendenti a delle difficilissime prove. In fin dei conti, si tratta delle sue figlie… Ilmarinen supererà tutte e tre le prove e potrà sposare una delle belle figlie di Louhi, la quale non bada a spese per il banchetto nuziale. La ragazza verrà uccisa da Kullervo dopo avergli tirato un brutto scherzo, mentre sua sorella, finirà per essere trasformata in uccello da Ilmarinen.
    Tra Louhi e Lemminkäinennon corre buon sangue anche perché l’arrogante guerriero si presenta al banchetto di Pohjola e uccide il marito di Louhi a sangue freddo.
    Potente sciamana e antagonista degli eroi di Kalevala che le rubano il Sampo, quando si risveglia dall’incantesimo di Väinämöinen e capisce che il suo tesoro è sparito, s’infuria e scatena una tempesta per fermare il viaggio degl’impostori. Poi arma un esercito e si trasforma in uccello ma, durante lo scontro, il Sampo cade in acqua e si rompe in mille pezzi. Arrabbiata, Louhi manda a Kalevala un’orda di malattie, poi l’orso di Manala, imprigiona sole e luna e ruba persino il fuoco, ma Väinämöinen e co. superano tutte le difficoltà e, alla fine, Louhi deve cedere.
    La Sovrana. Incarna la potenza e la sapienza, l’autorità e l’autorevolezza, la perseveranza e l’astuzia.
Sammon puolustus, Akseli Gallen-Kallela
  • Lemminkäinen.
    Presuntuoso e arrogante, donnaiolo e avventuriero.
    Irresistibile rubacuori, Lemminkäinen non riesce a conquistare la bella Kyllikki e, incapace di accettare un no, la rapisce e la convince a diventare sua moglie: lui le promette di non andare più in guerra, e lei di non recarsi al villaggio. Ma quando Kyllikki non mantiene la promessa, Lemminkäinen parte per Pohjola alla ricerca di una nuova moglie. Quel che troverà però sarà solo la morte.
    Offeso per non essere stato invitato alle nozze di Ilmarinen, incurante degli avvertimenti della mamma, Lemminkäinen testa calda si mette in viaggio per Pohjola e da bravo sciamano supera gli ostacoli a suon d’incantesimi. Giunto a destinazione, provoca il marito di Louhi e lo uccide a duello scatenando l’ira del popolo di Pohjola che distruggerà il suo villaggio. Lemminkäinen si nasconde su un isolotto, fa innamorare le donne e arrabbiare i mariti che lo costringono a fuggire. Quando torna in patria e trova casa sua distrutta, va in guerra contro Pohjola ma con poco successo.
    Sembra proprio che Lemminkäinen non riesca a stare lontano da Pohjola, infatti ci tornerà di nuovo in compagnia di Väinämöinen e Ilmarinen per rubare il Sampo.
    Il Guerriero. Incarna la presunzione e la cocciutaggine, l’imprudenza e l’impetuosità, l’egoismo e l’immaturità.
Lemminkäisen äiti, Akseli Gallen-Kallela
  • Kullervo.
    Ragazzo sventurato, eroe dal fausto destino. La tragica vicenda di Kullervo è quasi un ciclo indipendente all’interno del Kalevala ed è stata fonte d’ispirazione per tanti artisti, incluso Tolkien.
    Orfano per mano dello zio Untamo, Kullervo cresce con forza sovrumana e assetato di vendetta. Untamo lo teme e cerca di farlo uccidere in vari modi ma, visto che non ci riesce, lo allontana vendendolo come schiavo al fabbro Ilmarinen. Da servo… a servo.
    Un giorno, quando Kullervo va al pascolo col gregge, la moglie di Ilmarinen mette un sasso dentro il suo panino. Quando il ragazzo taglia il pane, il coltello del padre, unico cimelio di famiglia rimastogli, si rompe facendolo infuriare. Riunisce allora orsi e lupi e, con un incantesimo, dà loro le sembianze di vacche. Quando la donna va a mungere le bestie, queste si ritrasformano e la sbranano. Kullervo fugge nel bosco e una vecchia gli dice che la sua famiglia è ancora viva. Kullervo ritrova sua madre e suo padre, ma la sorella si è persa nel bosco. Un giorno Kullervo va a riscuotere i tributi per il padre, seduce una bella fanciulla che incontra nella foresta ma, subito dopo i due capiscono di essere fratelli e lei si uccide dalla vergogna. Lui vorrebbe seguirla ma la madre o dissuade. Kullervo va a uccidere lo zio e poi, in preda al rimorso per aver sedotto la sorella, si toglie la vita trafiggendosi il cuore con la spada.
    L’Orfano. Incarna la furia ceca e la sete di vendetta,la ribellione e la forza bruta, la solitudine e la ricerca disperata.
Kullervon kirous, Akseli Gallen-Kallela
Kullervo petokarjoineen, Akseli Gallen-Kallela

Altri

  • Annikki. Sorella di Ilmarinen, vede Väinämöinen dirigersi a Pohjola a prender moglie e fa la spia al fratello che parte per proporsi come contentente
  • Ainon äiti. La madre di Aino. Vorrebbe sistemare la giovane figlia con il potente e famoso Väinämöinen
  • Antero Vipunen. Gigantesco sciamano addormentato e diventato tutt’uno con il terreno. Quando Väinämöinen torna dagli inferi senza aver trovato le parole magiche per costruire la sua barca, si reca allora dal potente Antero Vipunen che lo inghiotte, ma Väinämöinen la spunta ed esce dalla pancia con le parole magiche che cercava.
  • Ilmatar. Figlia della Natura, Vergine dell’aria, madre di Väinämöinen. Fecondata dal vento e dalle onde del mare, tiene in grembo il cantore per 700 anni. Una folaga cova 7 uova sul suo ginocchio e, quando cadono nel mare e si rompono, formano cielo, terra, sole, luna e nubi.
  • Joukahainen. Giovane ardito e presuntuoso, fratello maggiore di Aino che sfida Väinämöinen a una gara d’incantesimi e per salvarsi la vita la promette in isposa al cantore sempiterno
  • Kalervo. Padre di Kullervo e fratello di Untamo, spietato assassino
  • Kaleva. Eroe mitico che dà il nome al Kalevala, la terra degli eroi, progenitore degli eroi di Kalevala
  • Kyllikki. La fanciulla più bella e più ambita dell’Isola, donna forte e risoluta, rifiuta tutti i pretendenti finché Lemminkäinen non la rapisce per sposarla
  • Lemminkäisen äiti. La madre di Lemminkäinen, donna saggia e lungimirante, consigliera e amorevole, potente sciamana in grado pure di riportare lo sciagurato figlio in vita
  • Marjatta. Pastorella vergine che rimane incinta mangiando un mirtillo rosso. Giudicata aspramente e isolata per la miracolosa gravidanza, dà vita a un bambino prodigio che sarà battezzato da Virokannas e incoronato Re di Carelia
  • Pohjolan tyttäret. Le figlie di Louhi, famose per la loro bellezza. Donne forti e dallo spirito indipendente, scelgono con chi vogliono sposarsi. Una viene data in isposa a Ilmarinen e muore per mano di Kullervo, l’altra viene trasformata in uccello da Ilmarinen che la rapisce ma non ne è soddisfatto
  • Sampsa Pellervoinen. Il seminatore, aiuta Väinämöinen a seminare la terra brulla
  • Tiera. Amico di Lemminkäinen e, come lui, coraggioso guerriero
  • Tuonen tytti. La figlia di Tuoni, traghettatrice di anime. Sua sorella Loviatar è la madre delle malattie. Suo fratello, il figlio di Tuoni (Tuonen poika), taglia Lemminkäinen a pezzetti. Sua madre Tuonetar, cerca d’imprigionare Väinämöinen nel mondo dei morti

Testi © Giulia Santelli

1 commento su “I personaggi del Kalevala”

  1. Matteo da Kajaani

    Kuhmo, Lentua

    Lentua ha ispirato gli artisti. Akseli Gallen Kallela soggiornò a Lentua durante i suoi viaggi a Vienna e lì disegnò il famoso trittico Aino. Il paesaggio al centro del trittico è di Lentua. Il modello di Väinämöinen era Uljas Ahtonen di Kuhmo, Uljaska di Rimmi. Il modello della barca sulla tavola è di Kuhmo.

    https://www.luontoon.fi/lentua/historia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *